VIII puntata: Fantasia perversa nelle assunzioni disabili in Belice Ambiente. Come ti trasformo un’assunzione a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato.

L’Amministratore Unico della Belice Ambiente Avvocato del Lavoro e sindacalista UIL Francesco Truglio, persona di fiducia del sindaco di Mazara del Vallo rag. Giorgio Macaddino, anch’egli sindacalista UIL, è stato capace di fare miracoli per l’assunzione di un disabile. Se non fosse stato condannato per truffa informatica, dopo questo miracolo potevamo chiedere a gran voce: SANTO SUBITO.

Fa richiesta all’ufficio provinciale del Lavoro di Trapani, di assunzione nominativa di un disabile (?) fresco di disabilità e appena inserito nell’elenco provinciale (legge 68/99) con la qualifica di “operatore ecologico progettazione distribuzione contenitori per circuito TETRA PAK” (qualifica inesistente), di cui tutti sentivamo l’esigenza. Come si può pensare di fare una raccolta seria senza avere un progettista di contenitori per TETRA PAK?

Da notare che il nominativo richiesto era già dipendente della Belice Ambiente per chiamata diretta e a tempo determinato presso l’ufficio di contabilità.

Constatato che la richiesta nominativa è stata considerata illegittima, ha rifatto la richiesta di assunzione, questa volta individuale con la qualifica già attribuita alla persona designata all’assunzione. 

Così facendo, la persona disabile viene assunta (questa volta miracolosamente a tempo indeterminato) e inquadrata al 2° livello con qualifica di operatore ecologico e assegnata al Centro Comunale Raccolta di Via Marsala, in cui non ci risulta abbia mai assunto servizio, nemmeno per un giorno. Speriamo non sia vero.

È stata assegnata invece all’ufficio dove aveva già prestato servizio. Ci vuole davvero una grande fantasia e una innata propensione al disprezzo del danaro pubblico per eseguire una manovra così arrogante e irrispettosa dei veri diritti dei disabili. Ricordiamo a noi stessi che il Sindacato, quello con la S maiuscola, protegge i più deboli. Pensate che abbiano cosi agito in questa vicenda questi rappresentanti di un Sindacato, la UIL, benemerito e noto per la sua dirittura morale?

 Abbiamo voluto scrivere questa vicenda per informare i cittadini dei Comuni soci dell’ATO Belice Ambiente delle modalità con cui i loro e nostri soldi sono stati spesi, in dispregio alle più elementari regole di saggia amministrazione  dal duo Truglio-Macaddino.

Speriamo, ottimisti come siamo, che ciò sia accaduto solo per la poca o nulla preparazione da manager del cosiddetto Amministratore Unico Truglio. Questa flebile speranza è anche frutto del non intervento delle Istituzioni preposte ai controlli e alla repressione di comportamenti illegittimi, che sarebbero sicuramente intervenuti se avessero riscontrato comportamenti dettati da miseri interessi di bottega.

Vogliamo infine aggiungere che in tutti i settori (Acquisti ,Appalti, Assunzioni, etc…) la pessima gestione  era ordinaria amministrazione. Prova ne sia il successivo fallimento della Belice Ambiente. E qualcuno di questi signori ha ancora velleità politiche? Ma ci facciano il piacere!!!

                                                                                                      Centro Studi La Voce 

                                                                                                              Il Presidente

                                                                                                          Girolamo Pipitone

Alla prossima puntata:

Progressione illegittima di carriera

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

riscrivi la combinazione di numeri e lettere *