Cimitero comunale, “La Voce”: “Vergogna! Le bare annegate…!”

È stato segnalato, a questo Centro Studi, lo sgradevole evento di una recente estumulazione alla Sezione 7 del cimitero comunale di Mazara del Vallo, ove, dopo aver rimorso la lapide, è venuta fuori dal loculo una cascata d’acqua.

Evidentemente, di conseguenza, la bara era immersa nell’acqua infiltratasi dalla copertura.
La causa di questa infiltrazione non può che essere dovuta alla mancanza di manutenzione del tetto protrattasi nel tempo (se non mai effettuata).
In un recente passato (sempre sindaco Cristaldi) si è verificato che un intero reparto è crollato a causa delle radici di alberi che addirittura erano cresciuti sulle coperture.
Ci siamo occupati in varie occasioni del cimitero e abbiamo scritto che questa Amministrazione, sin dal suo insediamento, ha speculato sui morti.
In particolare:
– ha dimezzato gli anni di concessioni da 99 a 50 anni, così facendo libera e rivende i loculi;
– ha equiparato i prezzi di vendita fra i loculi vecchi e i nuovi ma non ha reinvestito, per manutenzione, alcuna somma sui vecchi loculi rivenduti per nuovi.
I proventi del cimitero sono serviti a Cristaldi per mantenere il patto di stabilità.
Tutto ciò è servito a pagare lautamente segretaria, staff, esperti etc. etc…
Alla faccia di quel tizio (pare si chiamasse Ugo Foscolo), il quale valutava la civiltà di un popolo dal modo di onorare la sepoltura!

Nota stampa del Centro Studi “La Voce”- Il Presidente Girolamo Pipitone

31/03/2018

Questa pagina è stata vista 15 volte, clicca sui bottoni qui sotto per condividerla, aiuterai il centro studi ad essere conosciuto anche dai tuoi amici!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *